I bambini hanno bisogno di movimento: alternative valide alla tecnologia

Il movimento conseguente all’attività dei muscoli volontari è espressione della nostra volontà,  è ciò che ci permette di esprimerci, di attuare un progetto, è il risultato della nostra vita psichica. Di conseguenza, permettendo ai bambini di esercitare il più possibile la propria volontà con il movimento, li aiutiamo a svilupparsi al meglio.
Non sto parlando quindi del movimento finalizzato all’esercizio fisico, allo sviluppo dei muscoli e alla tonificazione del corpo, ma del movimento che sviluppa la mente e l’intelligenza. Questo principio viene sottovalutato nelle scuole tradizionali, dove i bambini sono costretti a stare seduti per tante ore, addirittura anche durante l’intervallo. Ma la cosa fondamentale che non viene presa in considerazione, è il bisogno del bambino di muoversi proprio per poter imparare al meglio. Allo stesso modo, un gioco che richiede un lavoro manuale, non è solamente un passatempo, ma è uno strumento che aiuta lo sviluppo dell’intelligenza.
Maria Montessori parla del corpo fisico come organo psichico e della mano in particolare come organo di intelligenza. Perché una persona possa esprimersi e manifestare il proprio io, deve esserci una connessione, una coordinazione tra il corpo e la mente,
La coordinazione nei movimenti non è scontata e prestabilita nell’uomo, ma si sviluppa con il lavoro, con l’esercizio. Perché nella pedagogia Montessori è importante che il bambino abbia molte possibilità di esercitare i movimenti, la coordinazione oculo-manuale, l’equilibrio, la manualità fine e grossa…? Proprio perché più sono le possibilità di perfezionare i movimenti, maggiori sono le possibilità di costruirsi una personalità psichica armoniosa ed equilibrata.
Un bambino che è libero di attuare un progetto con il suo movimento del corpo e della mani in particolare, è un bambino che sviluppa un carattere forte, fiducia in se stesso, capacità di relazionarsi con gli altri.

Ecco perché è importante fornire giochi che richiedono non solo una mente attiva, ma anche il movimento delle mani finalizzato a costruire qualcosa, a concretizzare un progetto.
Ed ecco perché è importante evitare i giochi digitali. Ci sono alcune situazioni in cui lo smartphone o il tablet potrebbero sembrare la via di uscita, l’aiuto per il genitore che non riesce a gestire la necessità di movimento e di attività continua dei figli. Ma sappiamo che non è un bene per il loro cervello. Per questo dobbiamo cercare soluzioni alternative che possano essere utili alla situazione e anche al bambino. Portare sempre con sé un gioco da tenere in borsa e al momento giusto proporlo quando siamo al ristorante, in coda, in auto, a casa di amici.

Con la nostra attività cerchiamo di soddisfare questo bisogno del bambino e anche di aiutare i genitori, progettando e realizzando giochi che possano tenere attivo il bambino e impegnarlo in un lavoro utile e interessante.

Ultimamente abbiamo realizzato la pecora:

pecora

questo gioco lascia la possibilità al bambino di pensare ad un proprio progetto per arrivare allo scopo di vestire la pecora con la lana a disposizione e di attuarlo con il movimento delle mani, aiutando quindi lo sviluppo delle abilità manuali e della coordinazione oculo-manuale.
Testato e approvato da figlia (4 anni) e nipote (8 anni) proprio al ristorante durante un lungo pranzo domenicale.

“ Lo sviluppo mentale deve esser connesso col movimento e dipendere da esso” Maria Montessori “La mente del bambino”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...