Come sviluppare l’intelligenza del bambino – l’importanza del lavoro manuale per Montessori

L’uomo ha sviluppato la capacità di camminare su due piedi, a differenza di tutti gli altri mammiferi. Sappiamo con certezza che un bambino, in condizioni normali di salute, svilupperà un certo equilibrio e la capacità di camminare su due piedi ad un certo punto della sua vita, intorno all’anno d’età. Si tratta di un fatto biologico, di una funzione fissa e uguale per tutti gli uomini. Mentre per quanto riguarda le mani? Lo sviluppo dell’abilità della mano è legato allo sviluppo dell’intelligenza, ed è ciò che ha contribuito allo sviluppo della civiltà.
L’uomo ha sempre sentito la necessità di lavorare con le mani per costruire qualcosa: spinto dal pensiero, quando ha lavorato per costruire strumenti utili alla sua sopravvivenza, spinto dalla spiritualità, quando ha costruito imponenti templi, spinto dal sentimento, quando ha lasciato tracce della sua esistenza nel tempo.

Il neonato può soltanto osservare il suo ambiente, non ha ancora capacità motorie, ma questa osservazione servirà per orientarsi una volta che inizierà a muoversi. Le prime volte che riuscirà ad afferrare un oggetto, prenderà coscienza delle sue mani e inizierà così a sviluppare rapidamente la prensione. Ad un certo punto inizierà a volersi impadronire degli oggetti che ha osservato a lungo nel suo ambiente. Questo desiderio lo porterà a muoversi e a utilizzare le mani per prendere e spostare oggetti. Intorno all’anno d’età sarà occupato in diverse attività: aprire e chiudere, mettere e togliere…e le sue capacità saranno maggiormente sviluppate se avrà avuto molte occasioni per esercitarsi.
Ecco perché è molto importante permettere ai bambini piccoli di muoversi liberamente in una casa opportunamente messa in sicurezza, e trovare occasioni di lavoro.

Gli studi e le osservazioni fatte da Maria Montessori, l’hanno portata a concludere che il carattere e la personalità, l’intelligenza del bambino, dipendono dallo sviluppo del movimento della mano. Un bambino che non ha avuto modo di lavorare con le proprie mani, a cui è anche stata negata la possibilità di fare da sé nei momenti in cui sentiva di esserne capace, è un bambino svogliato, incapace di avere iniziativa, triste. Mentre un bambino che ha avuto queste possibilità sviluppa un carattere forte.
Per questo è molto importante lasciar camminare un bambino che può farlo. Ovviamente l’adulto deve adeguarsi ai suoi ritmi e tempi  e non pretendere che possa percorrere strade e ritmi non adatti. Se un bambino desidera trasportare un oggetto grosso è perché vuole mettere alla prova le sue capacità di equilibrio. Un adulto che impedisce e che si sostituisce al bambino in questo tipo di imprese, sta ostacolando il suo sviluppo, pensando magari di aiutarlo.
Il bambino che desidera lavorare con le mani, che imita i genitori mentre sono impegnati nelle faccende di casa o in lavori manuali, è bene che sia messo in condizione di farlo.

Il movimento delle mani è espressione della volontà. Un lavoro manuale parte da un progetto che si sviluppa nella mente e si concretizza all’esterno con l’uso delle mani. Più occasioni si hanno a disposizione per lavorare con le mani, più si affina il movimento e maggiori possibilità ha il bambino e avrà l’uomo di realizzare ciò che ha in mente, di esprimersi, di costruire la sua personalità.

“ La mano è quell’organo fine e complicato nella sua struttura, che permette all’intelligenza non solo di manifestarsi, ma di entrare in rapporti speciali con l’ambiente : l’uomo, si può dire, prende possesso dell’ambiente con la sua mano e lo trasforma sulla guida dell’intelligenza , compiendo così la sua missione nel gran quadro dell’universo”.
Maria Montessori “Il segreto dell’infanzia”

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...